La fiducia dei consumatori a giugno


Secondo i dati Istat resi noti da Istat, complice molto probabilmente la nascita del nuovo esecutivo, a giugno la fiducia dei consumatori migliora, riportandosi su livelli solo di poco inferiori a quelli precedenti la caduta registrata a maggio. Più fiducia quindi, con l’ aumento della componente economica e di quella futura (da 133,4 a 142,9 e da 116,7 a 122,4 rispettivamente).

Secondo l’ Unione Nazionale Consumatori, sottolineando che parte del miglioramento del clima di fiducia che viene diffuso dall’esecutivo appena insediato. La nascita di nuovi esecutivi ha sempre influito sulla fiducia degli italiani visto che nel dicembre 2016, con il Governo Gentiloni, la fiducia saliva da 107,8 a 110,5, nel mese di marzo del 2014 con il Governo Renzi aumentava da 94,7 a 97,9 (+3,2 punti percentuali), nel mese di maggio 2013, con il Governo Letta, saliva da 83,8 a 93,8, e che nel mese di novembre 2011, con il Governo Monti, saliva da 90,4 a 94,1 (+3,7). Il Governo Conte rispetto ai precedenti registra la crescita più bassa visto che l’aumento corrisponde a +0,8 punti.


0 visualizzazioni0 commenti
A cura di
LOGO PRIMOSEGNO WEK MAGAZINE.png
Le ultime notizie