La Cassazione interviene sulle pensioni ex Inpdai


La Corte di Cassazione con la sentenza n.13980/2018, accogliendo il ricorso di un pensionato (ex dirigente di impresa privata) che aveva maturato un periodo di assicurazione presso l’ex fondo Inpdai, al quale era stata erogata una pensione INPS inferiore a quella che avrebbe maturato computando tutte le anzianità assicurative con le regole di calcolo vigenti nell’AGO, ha stabilito che resta in vigore la clausola di salvaguardia. Secondo la Corte: "Infatti, nel concetto di uniformità del trattamento nel rispetto del principio del pro rata, previsto espressamente dalla legge come regola di carattere generale, è implicato il rispetto della disciplina in base alla quale la liquidazione della corrispondente quota debba essere effettuata; come del resto questa Corte ha affermato in altre occasioni stabilendo che il principio del pro rata imponga di determinare tante quote di pensione in relazione a ciascun periodo di anzianità maturato secondo il sistema rispettivamente in vigore. Talché la pensione del ricorrente va calcolata in base alle diverse regole vigenti presso i due istituti ed alle relative contribuzioni versate".


0 visualizzazioni0 commenti
A cura di
LOGO PRIMOSEGNO WEK MAGAZINE.png
Le ultime notizie