La banca è tenuta al risarcimento in caso di furto del bancomat?


Il consumatore che non si accorge di aver subito il furto del bancomat e non lo denuncia immediatamente ha comunque diritto al rimborso delle somme sottratte. I titolari di un conto corrente cointestato, erano stati contattati dalla propria banca che li aveva informati di ripetute operazioni di prelievo, per cifre che superavano la consueta soglia di utilizzo della carta. In quel momento i titolari si accorgevano di aver perso il bancomat e che lo stesso veniva utilizzato senza il loro consenso. I titolari del conto si erano così rivolti alla Confconsumatori e attraverso quest’ultima all’Arbitro Bancario Finanziario, autorità preposta alla risoluzione stragiudiziale delle controversie nel settore bancario. L’Arbitro ha riconosciuto il diritto della coppia di risparmiatori ad essere rimborsati dalla banca delle somme indebitamente prelevate da ignoti,

in quanto la banca avrebbe dovuto dimostrare, per sottrarsi a tale obbligo, la colpa grave o il dolo dei titolari del bancomat, posto che non può essere considerata una condotta contraria alla diligenza quella di chi non verifica quotidianamente di essere in possesso o meno della propria carta di pagamento.


0 visualizzazioni0 commenti
A cura di
LOGO PRIMOSEGNO WEK MAGAZINE.png
Le ultime notizie