Il rilancio di Mps e la carta Widiba


L’istituto senese rimane al centro delle attenzioni e punta sul digitale attraverso la sua carta Widiba. Il problema principale però è che da quando è stato lanciato il progetto nel 2014, la banca digitale chiude i bilanci in rosso. La raccolta di denaro risulta in perdita e contribuisce ad appesantire anche il conto economico di tutto il gruppo. Il suo valore secondo gli analisti sarebbe di 331 milioni di euro a fronte di un patrimonio netto di circa 50 milioni, originariamente 69,1 milioni di euro, a cui sono stati sottratti i 19 milioni di perdite del bilancio appena chiuso. All’epoca, il ramo d’azienda Mps aveva portato in dote alla banca digitale circa 100mila clienti e 6 miliardi di euro di masse gestite. Ad oggi, i clienti sono raddoppiati a 235mila ma la massa gestita è scesa del 18% passando da 6 a 4,8 miliardi.

#creditcard #gruppibancari

0 visualizzazioni0 commenti
A cura di
LOGO PRIMOSEGNO WEK MAGAZINE.png
Le ultime notizie