Coi dazi sulla soia Pechino mira al cuore dell’economia e della politica Usa


Con i dazi sulla soia la Cina ha schierato un’arma pericolosa contro gli Stati Uniti.

La sua comparsa nell’elenco dei 106 prodotti oggetto di ritorsioni commerciali ha preso in contropiede il mercato, provocando un immediato crollo delle quotazioni.

La soia rappresenta comunque un caso a parte.

Nessun altro prodotto agricolo (e in generale ben pochi prodotti) pesano così tanto nella bilancia commerciale degli Usa e la dipendenza dalla Cina è enorme: l’export ha generato 22,3 miliardi di dollari l’anno scorso e di questi 14,6 miliardi sono arrivati grazie agli acquisti di Pechino. Questi ultimi hanno superato 30 milioni di tonnellate, pari a circa un terzo del raccolto e oltre il 60% delle esportazioni totali del legume.

L’entrata in vigore dei dazi cinesi, che dipenderà dall’evolvere delle trattative con Washington, potrebbe provocare danni pesanti.

Ci sarebbe comunque il rischio di un contraccolpo anche per la stessa Cina che importa enormi quantità di soia per sfamare il bestiame.


0 visualizzazioni0 commenti
A cura di
LOGO PRIMOSEGNO WEK MAGAZINE.png
Le ultime notizie