Prezzo del greggio su, si spera che l’OPEC proroghi i tagli nel 2019


Il prezzo del greggio sale questo giovedì, supportato dalla prospettiva di un’estensione dei tagli alla produzione OPEC fino al prossimo anno.

I future del greggio USA West Texas Intermediate (WTI) salgono dello 0,2%, a 64,52 dollari al barile.

Intanto, i future del greggio Brent, il riferimento per il prezzo del greggio al di fuori degli Stati Uniti, scendono dello 0,2%, a 68,61 dollari al barile.

I rialzi sono limitati dall’aumento delle scorte di greggio e della produzione negli Stati Uniti.

Le scorte di greggio USA sono aumentate di 1,6 milioni di barili la scorsa settimana a 429,95 milioni di barili, secondo quanto reso noto ieri dalla Energy Information Administration (EIA). Gli analisti avevano previsto un calo di 0,2 milioni di barili.

La produzione petrolifera statunitense è schizzata ad un nuovo massimo storico di 10,43 milioni di barili al giorno la scorsa settimana, restando al di sopra dei livelli di produzione sauditi e vicino a quelli della Russia, il principale produttore mondiale di greggio.

Analisti e trader di recente hanno messo in guardia dall’impennata della produzione di scisto USA, che potrebbe vanificare gli sforzi dell’OPEC di mettere fine alle scorte in esubero.

L’OPEC, insieme ad alcuni produttori non-OPEC con a capo la Russia, sta riducendo la produzione di 1,8 milioni di barili al giorno per eliminare le scorte in eccesso sul mercato. L’accordo, adottato lo scorso inverno, scadrà alla fine del 2018.


0 visualizzazioni0 commenti
A cura di
LOGO PRIMOSEGNO WEK MAGAZINE.png
Le ultime notizie