Processi civili e penali Veneto Banca; nuove speranze per gli azionisti


La sentenza n.733 del 14.3.18 del giudice Luigi Giglio del Tribunale di Vicenza ha stabilito che, nelle cause promosse dai risparmiatori contro Veneto Banca, prima della liquidazione coatta amministrativa intervenuta con la Legge n. 131/2017, è ammissibile la chiamata in giudizio Intesa San Paolo S.p.a..

La sentenza arriva a seguito di una causa promossa da un risparmiatore difeso da Adusbef che aveva acquistato azioni della banca. Il giudice ha riconosciuto Banca Intesa come successore a titolo particolare, avendo ricevuto i rapporti di credito trasmessi con la liquidazione del 2017, e come responsabile a titolo solidale insieme a Veneto Banca. Per il giudice, le limitazioni di responsabilità riguardano solo i rapporti tra le parti del negozio (le due banche) e non i terzi creditori come sono ad esempio gli azionisti.

Anche in ambito penale, il GUP di Romaall'udienza del 26/01/18, nel procedimento penale nei confronti degli ex amministratori di Veneto Banca, aveva autorizzato la chiamata di Intesa San Paolo quale responsabile civile.


0 visualizzazioni0 commenti
A cura di
LOGO PRIMOSEGNO WEK MAGAZINE.png
Le ultime notizie