La bellezza made in Italy vale 11 miliardi di euro e piace sempre più nel mondo


Il made in Italy della cosmetica piace sempre di più all’estero e Cosmoprof Worldwide Bologna cavalca l’onda dell’internazionalizzazione con numerosi piani di espansione e una nuova edizione in India.

Secondo Cosmetica Italia, l’associazione di categoria, il 2017 si è chiuso con un fatturato di 11 miliardi di euro, in crescita del 4,4% e le proiezioni per l’anno in corso registrano un’ ulteriore crescita del 5%. A trainare la crescita le esportazioni in aumento del 9% per un valore di 4,7 miliardi con un impatto positivo sulla bilancia dei pagamenti che sfiora i 2,4 miliardi, record assoluto per il comparto. E per il 2018 si prevede un’ulteriore incremento del 9,2% per le vendite oltreconfine.

In forte ripresa l’interesse delle imprese verso i Paesi extra-europei, aree meno presidiate e con minor concentrazione di competitor, che assorbono il 60% del totale. Sarà proprio l’Asia il driver di crescita del mercato mondiale di bellezza, secondo un’analisi di EY presentata a Bologna ai «Cosmotalks» di Cosmoprof.

Tra i principali driver che guidano le strategie di crescita dei player della cosmesi, che mirano a consolidare la propria presenza a livello globale, sono, secondo gli analisti di EY, l’ampliamento della gamma di prodotti offerti, l’espansione in nuovi mercati geografici adattandosi a trend di consumo spesso peculiari per area, l’innovazione tramite l’uso di nuove tecnologie e la ricerca dei canali di contatto con il consumatore, che sempre più combinano online e retailer fisici.


0 visualizzazioni0 commenti
A cura di
LOGO PRIMOSEGNO WEK MAGAZINE.png
Le ultime notizie