Versace e Furla si uniscono a chi ha bandito le pellicce animali


Versace e Furla si uniscono al coro dei marchi della moda che rinunciano all'utilizzo delle pellicce animali in risposta alla crescente attenzione dei consumatori alle questioni etiche ed ecologiche.

Donatella Versace, direttore creativo e vicepresidente della maison del lusso, lo ha annunciato in un'intervista: "Non voglio uccidere gli animali per fare moda. Non mi pare giusto", risponde senza dare altri dettagli a una domanda sull'utilizzo di pellicce, preannunciando così un cambiamento nelle abitudini del gruppo.

Furla lo rende pubblico invece con una nota: "A partire dalla stagione Cruise 2019, disponibile negli store da novembre 2018, tutti i prodotti delle collezioni Donna e Uomo del brand saranno realizzati in pelliccia ecologica".

Hanno già imboccato la stessa strada Gucci, Armani, Hugo Boss, Tommy Hilfiger, Calvin Klein e il retailer online Yoox Net-a-Porter.

La stilista inglese Stella McCartney ha adottato invece una filosofia "vegetariana" che rinuncia non solo alla pelliccia animale ma anche a pelle e piume.


0 visualizzazioni0 commenti
A cura di
LOGO PRIMOSEGNO WEK MAGAZINE.png
Le ultime notizie