Maserati; dalla cassa integrazione al contratto di solidarietà


La Maserati di Grugliasco ha comunicato l’utilizzo del contratto di solidarietà per quasi tutti i dipendenti a partire da aprile. I dipendenti interessati dal contratto di solidarietà saranno 1.582 su un totale 1.683. Il contratto di solidarietà subentra alla cassa integrazione ordinaria, ormai usata strutturalmente alla Maserati; nel 2017 i giorni di cassa integrazione sono stati 62 e nel 2018 vi sono stati 30 giorni di Cassa integrazione su 63 lavorabili.

Edi Lazzi, responsabile della Maserati per la FIOM-CGIL ha già sollevato con le istituzioni locali il problema del gruppo FCA a Torino. “Dopo la Carrozzeria di Mirafiori adesso tocca anche alla Maserati di Grugliasco. Non è certo un buon segno in quanto l’azienda ha la certezza che l’uso degli ammortizzatori non è destinato a cessare”.

Per i sindacati occorre investire al più presto in

nuovi modelli.

Non resta che attendere le iniziative che FCA adotterà con il piano industriale previsto per giugno.


0 visualizzazioni0 commenti
A cura di
LOGO PRIMOSEGNO WEK MAGAZINE.png
Le ultime notizie