Eni presenta il nuovo piano di «espansione» e alza il dividendo a 0,83 euro


Eni mette in pista un nuovo piano che, da qui al 2021, consentirà - sono le parole dell'ad Claudio Descalzi - «di entrare in una nuova fase di espansione industriale e di forte crescita di valore».

Per farlo si prepara ad aumentare la cedola assicurata agli azionisti nel 2018 (83 cent, +3,75%) e punta a imprimere un ulteriore colpo di acceleratore all'upstream (esplorazione e produzione), il motore del gruppo, in grado di assicurare negli ultimi quattro anni, nonostante il mini-barile, 4,4 miliardi di barili di nuove scoperte, e a ottimizzare ancora la “macchina” degli altri business, dal gas&power, anche attraverso il potenziamento del portafoglio gas in Europa e del settore retail, alla raffinazione e chimica, sviluppando sempre più la capacità “green” del gruppo su entrambi i fronti e spingendo il consolidamento internazionale. Senza dimenticare l'impegno crescente nelle rinnovabili dove l'obiettivo è arrivare a 1,2 gigawatt di nuova capacità entro il 2021.


0 visualizzazioni0 commenti
A cura di
LOGO PRIMOSEGNO WEK MAGAZINE.png
Le ultime notizie