Salvatore Ferragamo, utile -42% e ad in uscita. «Società non in vendita»


Salvatore Ferragamo ha accusato un calo dell'utile netto del 2017 del 42,4% a 114 milioni di euro.

La nota della società ricorda che l'utile netto del quarto trimestre 2017 risente dell'impatto negativo per circa 13 milioni di euro della riforma fiscale negli Stati Uniti, mentre nel quarto trimestre 2016 la società riportava il beneficio cumulato del Patent Box 2015 e 2016.

I ricavi consolidati sono stati di 1,39 miliardi, con una diminuzione del 3,1% a tassi di cambio correnti (-1,4% a cambi costanti). Nel solo quarto trimestre il calo è stato dell'8,4%, anche per «l'andamento delle valute (-5,1%) e dalla minore incidenza dei saldi di fine stagione nel canale primario».

Il cda di Ferragamo ha approvato l'accordo relativo alla conclusione del rapporto dell'ad Eraldo Poletto, che ha rassegnato le dimissioni.

La società ha inoltre rinunciato al patto di non concorrenza e sono stati conferiti i poteri di gestione ad interim al presidente, Ferruccio Ferragamo, il quale ha escluso la vendita della società.


0 visualizzazioni0 commenti
A cura di
LOGO PRIMOSEGNO WEK MAGAZINE.png
Le ultime notizie