Vittoria di Confconsumatori contro Poste Italiane. La società condannata per “perdita di chance”


ll telegramma viene consegnato in ritardo e una cittadina perde irrimediabilmente la possibilità di partecipare a un concorso per lavorare in un asilo nido. La cittadina è stata assistita in giudizio da Confconsumatori e il Giudice del Tribunale di Parma ha condannato Poste Italiane, oltre che per la ritardata consegna del telegramma, per i danni cagionati al destinatario del servizio postale derivanti dalla “perdita di chance”, non avendo provato la sopravvenuta impossibilità ad adempiere alla propria prestazione. Poste dovrà pagare oltre 28 mila euro di risarcimento.


0 visualizzazioni0 commenti
A cura di
LOGO PRIMOSEGNO WEK MAGAZINE.png
Le ultime notizie