Implementazione CDS per ISDA


REGnosys, un'azienda di regolamentazione fintech, è stata individuata da ISDA per sviluppare una versione digitale del modello di dominio comune ISDA (CDM), avvicinandoci a un insieme comune di standard di processo e dati che aumenterà l'automazione e l'efficienza nel mercati dei derivati.

La prima iterazione del CDM digitale, prevista in circa tre mesi, fornirà ai fornitori di tecnologia, ai partecipanti al mercato e ad altri ciò di cui hanno bisogno per testare il modello e testarlo su una gamma di piattaforme e tecnologie. Questo processo di test e validazione è fondamentale per l'ulteriore sviluppo del modello: dobbiamo sapere come funziona in un contesto pratico e dove sono necessari i perfezionamenti. Quindi vorremmo invitare le aziende con idee proof-of-concept per entrare in contatto e lavorare con noi su quei progetti. Pensiamo che questo test pagherà i dividendi su tutta la linea. L'obiettivo finale è quello di avere un progetto digitale comune e robusto per il modo in cui i derivati ​​sono scambiati e gestiti durante tutto il ciclo di vita, che stabilisce come ogni fase del processo può essere rappresentata in un formato standardizzato. Ciò sarà trasformativo per il mercato dei derivati ​​e contribuirà a generare le necessarie efficienze riducendo i disallineamenti che si verificano nel modo in cui le imprese registrano eventi e azioni nei loro sistemi interni. Riteniamo che ciò migliorerà l'accuratezza e l'uniformità nella rendicontazione e conformità normativa, e continueremo a impegnarci con le autorità di regolamentazione per dimostrare i benefici e garantire che i risultati siano adeguati alle loro esigenze. Creerà anche una base di standard su cui possono essere costruite nuove tecnologie, migliorando la coerenza e aumentando il potenziale per questi servizi di operare tra aziende e piattaforme. Questo è importante: tecnologie come il ledger distribuito, i contratti cloud e smart offrono il potenziale per una maggiore automazione e riduzione dei costi, ma è difficile vedere come un ambiente di trading e post trading veramente automatizzato e interoperabile possa emergere senza standard comuni. Questo progetto si sta muovendo molto rapidamente da quando abbiamo pubblicato le definizioni di progettazione CDM lo scorso ottobre, ma non c'è tempo da perdere. Gli innovatori non si fermano aspettando che tutti gli altri lo raggiungano. Sarebbe un risultato insoddisfacente se ogni nuova tecnologia e servizio portasse avanti un proprio insieme unico di standard di processo e dati. Avremmo appena finito con una versione leggermente migliore dell'infrastruttura frammentata e complessa che abbiamo attualmente. Abbiamo un'opportunità unica di ripensare gli standard su cui questo mercato è costruito per coincidere con lo sviluppo delle tecnologie di prossima generazione. Dobbiamo cogliere questa opportunità per rendere i nostri mercati meno costosi e più efficienti.

(Fonte www.isda.org)


0 visualizzazioni0 commenti
A cura di
LOGO PRIMOSEGNO WEK MAGAZINE.png
Le ultime notizie