Per la Kiko dei Percassi è in vista l’aumento di capitale


Ipotesi aumento di capitale per il retailer della cosmetica Kiko, di proprietà della famiglia bergamasca Percassi. L’azienda, fino a qualche anno fa indicata come un caso di successo e di grande crescita, è infatti alle prese con un riassetto del debito bancario, che ammonta a circa 200 milioni di euro con 50 milioni di linea disponibile non ancora utilizzata.

L’obiettivo è un riscadenziamento con i creditori. Circa 100 milioni dell’esposizione fa capo a Generali tramite un bond sottoscritto dalla compagnia triestina, mentre la quota restante è costituita da prestiti di un pool di istituti tra i quali Bnp Paribas, Unicredit e in minore misura altre banche

Così allo studio ci sarebbe un’iniezione da circa 100-150 milioni di euro per rafforzare l’azienda in relazione al processo di riscadenziamento del debito con le banche. Il nuovo piano industriale di Kiko prevede lo sviluppo in alcune aree (India, Asia e Middle East) e il rafforzamento nell’e-commerce.


0 visualizzazioni0 commenti
A cura di
LOGO PRIMOSEGNO WEK MAGAZINE.png
Le ultime notizie