Weinstein, bancarotta per gli studios del produttore accusato di abusi


Secondo i media americani la Weinstein Company, casa cinematografica fondata da Harvey Weinstein e suo fratello Robert, dichiarerà bancarotta due settimane dopo che il procuratore dello stato di New York ha stabilito le condizioni per l’acquisizione degli studios. Una vicenda legata allo scandalo degli abusi sessuali da parte dell’influente produttore di Hollywood e le dozzine di denunce presentate contro Weinstein, che ha prodotto film pluri-premiati.

«Pur riconoscendo che questa soluzione è estremamente dannosa per i nostri dipendenti, i nostri creditori e tutte le potenziali vittime, il board non ha altra scelta se non adottare l’unica opzione praticabile per massimizzare il valore residuo del società: un processo ordinato di bancarotta», ha spiegato il cda.


0 visualizzazioni0 commenti
A cura di
LOGO PRIMOSEGNO WEK MAGAZINE.png
Le ultime notizie