Crescita dei dividendi anche nel 2017, per le migliori quotate al mondo


A fronte della situazione globale registratasi negli ultimi anni, è stata riscontrata comunque un’accelerazione della crescita a partire dal 2014, e nel 2017 il monte dividendi annuo elargito dalle 1.200 società a maggior capitalizzazione nel mondo è balzato a 1.252 miliardi di dollari, il 7,7% in più rispetto al 2016 e oltre i 1.181 miliardi del 2014. Ciò non è avvenuto in modo uniforme: più significativa la crescita nelle aree emergenti (+16,5%), nel Giappone (+8,1%) e soprattutto nel resto dell’Asia (+18,8%); decisamente più contenute in Europa, soprattutto quella continentale (+1,9%), che pure sembrava aver finalmente ingranato la marcia.

Gli Stati Uniti hanno mantenuto il fattore trainante, dal momento che a Wall Street si sono distribuiti oltre un terzo dei dividendi mondiali (438 miliardi) e hanno raggiunto i massimi storici, come altri 10 dei 41 Paesi considerati nella ricerca, Giappone, Hong Kong, Taiwan, Svizzera e Paesi Bassi compresi.

La tendenza alla ripresa diffusa e il dollaro debole si sono ripresentati anche in questi primi 50 giorni del nuovo anno, e per questo è lecito attendersi un bis del 2017 anche per le cedole distribuite. «Considerato lo scenario economico molto positivo ci aspettiamo che nel 2018 i dividendi globali registrino nuovi record, con una crescita sottostante per il 2018 del 6,1% e una costante espansione in ogni regione del mondo», osserva Lofthouse.

Il cambio favorevole potrebbe poi acuire la crescita complessiva a +7,7% e fino a un nuovo record a 1.348 miliardi.


0 visualizzazioni0 commenti
A cura di
LOGO PRIMOSEGNO WEK MAGAZINE.png
Le ultime notizie