Il pignoramento superiore al dovuto va restituito


Se, al termine del pignoramento, l’importo acquisito dall’agenzia delle Entrate è maggiore del quantum riveniente dalla sanatoria, la differenza va restituita al netto di eventuali altre pendenze non rottamate.

La presentazione della domanda, unitamente al pagamento della prima rata comporta, inoltre, la sospensione dell’efficacia del fermo amministrativo già iscritto che verrà cancellato solo dopo il perfezionamento della procedura.

L’istanza può essere revocata entro la scadenza del 15 maggio 2018 e dopo tale data la decadenza dalla procedura determina di regola il divieto di nuova dilazione del debito residuo.

A quest’ultimo riguardo si afferma che il divieto di dilazione non opera, tra l’altro, per i soggetti che, alla data di inoltro della domanda, non avevano ancora ricevuto la cartella di pagamento. Quanto alla rottamazione di somme in contenzioso, si conferma che la definizione di una porzione del totale contestato determina la prosecuzione della lite per la differenza.


0 visualizzazioni0 commenti
A cura di
LOGO PRIMOSEGNO WEK MAGAZINE.png
Le ultime notizie