Società fornitrici di energia e contratti non richiesti


Contratti di energia non richiesti ancora all’attenzione dei Tribunali. Questa volta a pronunciarsi in favore di un consumatore è stato il Tribunale di Benevento. Il Movimento di Difesa del Consumatore riporta che nella sentenza, pubblicata l’11 dicembre 2017, il Giudice ha ribadito che “il consumatore non è tenuto ad alcuna prestazione corrispettiva in caso di fornitura non richiesta e in ogni caso, l’assenza di risposta non implica il consenso”. “Di particolare importanza – commenta Francesco Luongo, presidente nazionale del Movimento Difesa del Cittadino – il fatto che il Tribunale abbia ribadito il principio di diritto del Codice del Consumo, considerando che “se il consumatore rimanesse comunque obbligato a corrispondere, nonostante la mancanza di richiesta, una somma seppure a titolo di indebito arricchimento, sarebbe frustata la ratio del citato art. 57 del Codice del Consumo che vuole esonerare il consumatore da ogni conseguenza dell’iniziativa del fornitore da lui subita e sanzionare il fornitore medesimo, onerandolo della responsabilità nei confronti degli utenti per il fatto di coloro che ad esso sono collegati nell’attività commerciale e di acquisizione della clientela”.


0 visualizzazioni0 commenti
A cura di
LOGO PRIMOSEGNO WEK MAGAZINE.png
Le ultime notizie