Magistratura onoraria dimenticata dallo stato (e dalla riforma Orlando)


La riforma del Ministro Orlando non ha previsto alcuna tutela per la magistratura onoraria.

La magistratura onoraria, che dalla fine degli anni ’90 svolge un ruolo essenziale nel funzionamento della giustizia italiana, risulta, ancora oggi, sottopagata. Di recente alcune sentenze avevano condannato lo Stato per i diritti negati a questa categoria.

L’intervento dello stato è arrivato con la riforma Orlando, ma è risultato addirittura peggiorativo della situazione ante riforma, inquadrando la magistratura onoraria nell’ambito del lavoro autonomo e con un taglio dei compensi.

In ragione di tale qualifica professionale, la recente circolare dell’I.n.p.s. ha imposto ai magistrati di pagare assicurazioni e contributi erodendo ancor più i compensi di tale categoria.

Già la commissione Giustizia della Camera aveva sollevato dei profili di incostituzionalità ma ora saranno gli interessati a far partire i ricorsi.


0 visualizzazioni0 commenti
A cura di
LOGO PRIMOSEGNO WEK MAGAZINE.png
Le ultime notizie