Rapporto di portierato e presenza nel condominio


La Corte di Cassazione con l'ordinanza n. 23049

pubblicata il 3 ottobre 2017, ha stabilito che al fine di verificare la sussistenza di un rapporto di portierato, non risulta sufficiente la dimostrazione della concessione in godimento di un appartamento all'interno dello stabile in condominio, con contestuale esonero dal pagamento delle spese condominiali, né la presenza del dipendente all'interno dello stabile in orari extra-lavorativi, ritenuta normale proprio in virtù della residenza al suo interno.


0 visualizzazioni0 commenti
A cura di
LOGO PRIMOSEGNO WEK MAGAZINE.png
Le ultime notizie