Valore aggiunto, prodotto principalmente a Nord

Il valore aggiunto è prodotto per il 37,7% al Nord-ovest, il 25,4% nel Nord-est; il 20,5% nel Centro e il 16,4% nel Mezzogiorno. Nel 2017, Alessandria, Padova e Trieste entrano per la prima volta nelle prime 20 posizioni dei comuni capoluogo per produttività del lavoro, per valore aggiunto per addetto. Milano e Bolzano le province più produttive, ai primi posti per valore aggiunto per addetto. Nelle prime 20 posizioni in termini di valore aggiunto si attestano soltanto comuni capoluogo, ad eccezione di San Donato Milanese che risulta in 17esima posizione, guadagnando due posizioni rispetto all’anno precedente. I comuni in classifica, che generano il 29,3% del valore aggiunto nazionale, restano sostanzialmente invariati rispetto al 2016 ma con inversioni di posto tra Bologna (sesta) e Firenze (settima), Modena (12esima) e Brescia (13esima), Bergamo (20esima) e Ravenna (21esima), che esce dalla graduatoria mentre rientra Bergamo. Il 5% dei comuni più grandi in termini di popolazione genera il 57,8% del valore aggiunto nazionale.

0 visualizzazioni0 commenti
A cura di
LOGO PRIMOSEGNO WEK MAGAZINE.png
Le ultime notizie